mercoledì 7 giugno 2017

Fesserie



Delle enormi fesserie lette in rete in questi anni non voglio parlare adesso
e nemmeno della proterva e cafonesca aria che tira in certi “profili personali”
in certe risposte e in certi commenti
(la moderazione si sta allargando a vista d’occhio).
Sono stato trattato a pesci in faccia da supponenti
cafoni, gente che crede di essere il sale del mondo
quando invece ne rappresenta solo 
la parte più sgradevole.
Dovrei raccontarvi anni di spiacevoli incontri
ed equivoci voluti.
Preferisco parlarvi del grande piacere che mi da ripassare da certe stanze,
aprire capitoli che dormono da qualche anno e che sono ancora perfetti, accesi e luminosi come quando furono scritti:
ecco io vorrei che tutti i blog fossero capaci di dare quel tipo di sensazione, che fossero lo specchio fedele della nostra intimità vitale
che resta legata alle parole e con essa resusciti quando vi poggiamo lo sguardo sopra.

Nessun commento:

Posta un commento

Dietro ogni commento c'è un mistero e una persona, per tale motivo qui non si commenta.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.