domenica 28 maggio 2017

Un dilemma irrisolvibile



Il fatto che io senta con chiarezza che ciò che scrivo si perda per strada appena lo batto sulla tastiera non è un vezzo da piacione del cavolo: io sento che è così. Arriva poco dell’universo che mi gira dentro e, in genere, solo la parte più scomoda e conflittuale.
Per dirla in altro modo, arriva solo la mia componente snob, critica, quella che mi fa apparire un arrogante ante litteram arrivato non si sa come in un ambiente di gente tranquilla e “normale”.
Se fosse diversamente la blogosfera, me compreso, sarebbe un eden salvifico in cui ognuno potrebbe liberarsi e migliorare.

2 commenti:

  1. A me non arriva la tua parte snob...per nulla...

    RispondiElimina
  2. Meglio così ma sei una mosca bianca. Benvenuta.

    RispondiElimina

Dietro ogni commento c'è un mistero e una persona, per tale motivo qui non si commenta.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.