sabato 29 aprile 2017

Sara, dieci anni dopo



Accadono cose strane Sara:
nascondere i marchi che la vita o il caso ha impresso sul nostro corpo,
celare i nostri sentimenti,
in soffitta ( intesa come iperuranio) i nostri sogni
e vivere la nostra vita che non è più nostra
per evitare che i nuovi cannibali ci divorino.
Fuori di noi ma dentro di noi,
profondissima,
si scrive di un’altra esistenza e di un’altra verità.
Quella dove potrei chiamarti con un nome diverso.

1 commento:

  1. siamo sempre, volenti o nolenti, così schiavi della nostra stessa tendenza a fantasticare di what if, passate possibilità, e sliding doors...

    RispondiElimina

Dietro ogni commento c'è un mistero e una persona, per tale motivo qui non si commenta.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.